Il mio eroe, l’olimpionico